Alde Compact 3000 si spegne e si riaccende?

Buongiorno Italia! Sei capitato qui in quanto il tuo impianto di riscaldamento Alde si spegne e si riaccende di continuo? Iniziamo premettendo che è normale che una stufa a termosifoni si spenga e si riaccenda in quanto di spegne quando ha raggiunto la temperatura desiderata (o il glicole ha raggiunto temperature troppo elevate) e si riaccende (giustamente per poter raggiungere la temperatura che il camperista ha impostato nel termostato).

Mi ci è voluto un po’ per digerire il tutto, il mio problema era che la stufa, appunto, si spegneva e si riaccendeva con intervalli di 2 minuti ancora prima di raggiungere la temperatura desiderata, ti faccio un esempio: dentro al camper ci sono 15 gradi di temperatura ambiente, imposto il termostato a 25 gradi e giustamente si accende la caldaia (o stufa, chiamala come vuoi). Questa inizia a scaldare il liquido che viene fatto girare nei termi tramite una pompetta (alcuni modelli ce l’hanno regolabile e direttamente collegata alla stufa mentre altri modelli ce l’hanno a velocità fissa collegata al vaso di espansione) e si spegne dopo circa 10 minuti, all’interno del camper però abbiamo una temperatura di circa 16/17 gradi. Ora la stufa si riaccende e resta accesa per poco più di due minuti, si spegne e resta spenta per circa 2 minuti, poi si riaccende nuovamente per lavorare altri due minuti e via così all’infinito.

Oltre ad essermi informato su internet mi sono rivolto anche a vari professionisti del settore tra cui, scelta mia personale, un tecnico che aggiusta caldaie domestiche ed industriali. Il mio ragionamento fu: “in un concessionario di camper vedranno si e no un paio di riscaldamenti Alde all’anno da aggiustare, mentre il tecnico delle stufe vede ed aggiusta centinaia di caldaie e termosifoni..”. Il ragionamento non è poi così banale, se ci pensiamo l’Alde non è altro che una caldaia a gas in miniatura con collegati dei termosifoni ed un termostato.

Alla fine ho risolto il problema? Toccando ferro direi proprio di si, ora che ti sto scrivendo le temperature sono sotto lo zero ma dentro al camper ci si può permettere – in base ovviamente a quanto si regola il termostato – di stare vestiti come si vuole. Ti riporto qui a destra le varie operazioni che abbiamo fatto per far funzionare bene la mia Alde Compact 3000.

  • Riscaldamento a GPL

  • Riscaldamento a 220v

  • Riscaldamento tramite scambiatore

  • Acqua sempre calda

abbiamo svuotato completamente l’impianto dal liquido che c’era all’interno, molto probabilmente era stato inserito solo ed esclusivamente un normalissimo antigelo da auto, nei prossimi step invece ti spiegherò il liquido corretto da utilizzare. Per svuotare il tutto abbiamo utilizzato un’apposita pompa a 220v ed un potente aspira liquidi per rimuovere tutte le sporcizie che vi erano all’interno. Svuotare non basta, abbiamo utilizzato un apposito prodotto di uso professionale (purtroppo non ho chiesto il nome) che serve a pulire i radiatori ma senza rovinare l’alluminio, ricordatelo sempre che è molto importante, c’è gente che si è bruciata i radiatori utilizzando prodotti che corrodevano l’alluminio.

Pulendo l’impianto è uscito parecchio sporco, probabilmente si trattava anche di “briciole” di alluminio create dal precedente liquido errato, queste seppur apparentemente innocenti ostruivano continuamente il filtro dell’imbuto che utilizzavamo per recuperare il liquido di pulizia. Per pulire a regola d’arte tutto l’impianto abbiamo dovuto ripetere la procedura per ben 3 volte.

il liquido non va ne inserito a caso ne scelto a caso, è una delle cose più importanti per il corretto funzionamento e soprattutto per la vita dell’impianto Alde. Il quantitativo del liquido è impossibile da stabilire in quanto ogni camper ha il proprio impianto, ossia più termosifoni ci sono e più liquido ci vuole, in ogni caso il livello del liquido lo misuri dal vaso di espansione, quando è completamente freddo deve stare a circa 1 cm sopra al livello minimo indicato. il vaso di espansione è grande circa 1 spanna ed è in plastica semi trasparente, lo si trova solitamente all’interno degli armadi.

Parliamo ora del liquido, molti utilizzano antigelo da auto, magari mescolandone diversi tipi tra loro, nulla di più sbagliato! Va utilizzata una miscela composta all’incirca dal 60% di acqua distillata (la si trova al supermercato) e dal 40% di glicole propilenico. Nel mio caso ho utilizzato un glicole propilenico di altissima qualità e che – ovviamente – non era corrosivo per l’alluminio. Questo glicole ha una durata d’efficacia di circa 5 anni, scegliendo prodotti più economici invece la durata scende a due anni, dopo di che perde le sue caratteristiche.

Purtroppo anche qui, avendo fatto fare tutto il lavoro ad un professionista, non ho prestato attenzione alla marca di quel glicole, so solo che è di color giallo fluorescente.

si dice che sia un’operazione delicata, più che altro secondo me è un’operazione lunga che può andare avanti per giorni. Innanzitutto se non ci dovessero essere blocchi causati dalle bolle d’aria sarebbe bene far andare la stufa con il motorino di ricircolo del liquido attivo (chi ha quello regolabile lo metta alla massima velocità), successivamente – magari non appena si spegne la caldaia – spegnere il motorino e tenerlo spento per circa 4 secondi, dopo di che riaccenderlo. Sentirai dei gorgoglii, quelle sono le bolle d’aria che vengono fatte uscire dal vaso di espansione. Già con questo sistema sfiaterai non di poco l’impianto, pertanto è importantissimo che tu tenga sempre ben controllato il livello del liquido mentre lo fai, infatti quando esce l’aria il livello scende e non di poco, non bisogna mai e poi mai far andare la stufa senza il liquido. Terminata questa operazione, che può durare circa una settimana di utilizzo, se senti ancora gorgoglii nei termi e nel vaso di espansione sarà necessario sfiatare i termi tramite le apposite valvole che sono presenti su ogni termosifone. Prima di procedere ricordati che le valvole metalliche sono collegate a dei tubi di gomma, pertanto è necessario munirsi di due chiavi, una per tenere ferma la base e l’altra per svitare la rotella. Ora che sei pronto a sfiatare inizia dal termo posizionato più in alto, a stufa spenta (e motorino di ricircolo spento) svita piano piano la rotella fino a quando non inizia ad uscire un po’ di liquido, non appena vedi uscire il liquido infatti dovrai chiuderla (chiudila bene eh). Bravo, hai sfiatato il primo termo, ora in direzione oraria continua pure con gli altri.

Purtroppo non posso fornirti i dettagli in quanto non sono stato attento nel momento di questa operazione, ricordo solo che nella stufa Alde c’è una regolazione per la pressione del gas, o meglio, per la quantità di gas che viene utilizzata. Ti consiglio vivamente di chiedere maggiori informazioni ad un esperto, ma soprattutto, di tenere questa soluzione per ultima in quanto potresti benissimo non averne bisogno.

Probabilmente non tutte le stufe Alde hanno il termostato nella caldaia, questo va dai 0 agli 80/85 gradi circa. Noi lo abbiamo impostato a 50 gradi, d’estate invece è consigliabile metterlo addirittura a 30 per risparmiare gas. In ogni caso quei 50 gradi che ti ho scritto sono molto relativi, possono variare infatti in basse alla coibentazione del camper, alla coibentazione dei tubi (in alcuni camper certi passano all’esterno) ed alla durata delle docce calde che fai. Ti consiglio vivamente, in inverno, di provare iniziando ad impostare la temperatura a 50 gradi e di farti una doccia nel momento più freddo della giornata, se la durata dell’acqua calda non dovesse soddisfarti aumenta la temperatura gradatamente, puoi farlo anche con la caldaia in funzione. Nell’Alde Compact 3000 questo regolatore è posto nella parte superiore a sinistra della caldaia ed è una sorta di manopolina molto fina (2 mm?), il tecnico mi ha gentilmente applicato una rotella di plastica con in gradi indicati in modo tale che io possa impostarla scegliendo una determinata temperatura e non più a casaccio.

come ti ho già anticipato prima, in alcuni camper – tra cui il mio – i tubi dei termosifoni passano anche dall’esterno ed in alcuni punti possono non essere isolati, questo comporta un raffreddamento non da poco del glicole, il quale avrà bisogno di essere riscaldato continuamente, anche questo influisce sul numero di accensioni della caldaia.

Spero di averti aiutato a risolvere il tuo problema alla stufa Alde, in ogni caso, ricordati che i termi devono essere sempre e comunque ben sfiatati, ossia non devono contenere bolle d’aria (lo senti dai gorgoglii, magari più facilmente identificabili dal vaso di espansione) e che ogni ogni 2 anni (o più, dipende dal liquido) va svuotato e riempito il liquido di tutto l’impianto.

Sito Alde

MATERIALE:

Per chi volesse Alde vende il proprio liquido per radiatori dalla durata garantita di 2 anni, attualmente lo si trova presso Camper Sport Magenta: https://www.campingsportmagenta.com/it/liquido-diatermico-alde-tanica-5l 

MANUALI D’USO:

Nel sito dell’Alde si trovano tutti i manuali in lingua inglese: https://www.alde.co.uk/manuals-and-documents/

Sul canale YouTube di Le Puntine del Mondo troverai sempre, o spesso, o qualche volta, luoghi molto interessanti dove passare un bel fine settimana o le vacanze. Troverai inoltre i dietro alle quinte ed i Sabato le eventuali recensioni dei prodotti. Non dimenticarti di premere quel bel pulsantino “iscriviti” :)

Commenti

commenti