Una meta imperdibile

Saturnia GR

Le Terme Naturali di Saturnia erano da anni nella mia lista delle cose da fare, vuoi la curiosità e vuoi il forte invito delle fotografie che trovavo sull’internet. La prima volta rinunciai in quanto non trovai un valido parcheggio per sostare in libera con il mio camper, mentre la seconda volta – dato che stavamo festeggiando un compleanno tra amici – sostai presso un’Area Camper nei pressi delle Terme, per nulla economica, con colonnine della corrente praticamente inutili (la corrente saltava sempre) ma con un servizio di navetta incluso nel prezzo che era estremamente comodo, eh si, ti scarozzavano sia fino alle terme che fino su al paese.

Come sempre “Le Puntine del Mondo” ci tiene a mostrarti la verità, pertanto scoprirai che le terme naturali sono decisamente più piccole e meno “caraibiche” di quelle che trovi in molte foto ritoccate su siti di viaggi, ciò nonostante, restano comunque una tappa da fare assolutamente fuori stagione.

Già che sono qui vorrei smentire il detto che una volta entrati nell’acqua delle terme poi bisogna buttare via il costume e l’asciugamano, certo saranno comunque necessarie un paio di belle lavate, ma il tuo costume ed il tuo asciugamano saranno comunque salvi, sia dal punto di vista dei colori (esatto, non ti porto a fare il bagno nell’ammoniaca, bensì in delle pulitissime acque termali) che degli odori.

Per quanto lo abbia ripetuto più volte, anche nei video, insisto a consigliarti questa tappa solo ed esclusivamente fuori stagione, altrimenti tra il sole cocente ed il problema dei parcheggi te ne torneresti dieci volte più stressato di quando sei arrivato :)

.

.

.

.

  • Stato: Italia

  • Regione: Toscana

  • Provincia: Grosseto GR

  • Città: Saturnia

  • Coordinate GPS: 42°38’53.6″N 11°30’46.0″E – 42.648214, 11.512768

.

I parcheggi possono essere un vero e proprio disastro e per questo ti chiedo di prestare molta attenzione. Nella mappa che ti ho messo troverai un parcheggio posto letteralmente all’entrata delle Terme Naturali ma, ahimè, con pochi posti auto. Attenzione quindi, se non fai come abbiamo fatto noi venendo a visitare le Terme fuori stagione rischierai di trovare il parcheggio occupato e delle facili multe se parcheggi dove non vogliono.

Per quanto riguarda il Camper invece c’è poco da fare, o ti muovi in Moto, Scooter o Mountain Bike parcheggiando oltre limiti e confini dell’immaginazione oppure ti rassegni a lasciare il Camper presso l’Area Sosta Camper li vicino, non preoccuparti, trovi anche quella nelle mappe e soprattutto hanno il servizio di navetta incluso nel prezzo, ossia ti porteranno con un pulmino alle terme e ti verranno pure a riprendere.

Fortunello, ad un paio di km c’è l’Area Sosta Camper, si esatto, la trovi nella mappa che ti ho preparato. Quest’Area Sosta non è molto economica ma incluso nel prezzo ha il servizio di navetta che ti porterà fino alle Terme Naturali e persino a cenare su in paese. Si esatto poi passano anche a prenderti per riportarti nell’Area Sosta, non ti dimenticano li. Ti consiglio di non utilizzare le colonnine della corrente in quanto vengono conteggiati come spesa extra ed attualmente – parliamo dei primi di Febbraio 2020 – sono decisamente inutili in quanto non appena colleghi qualcosa la corrente salta di continuo, nel mio caso la colonnina era addirittura saltata non appena avevo acceso l’inverter da 1000w (ma con nulla collegato in carica!). Ovviamente avrai carico e scarico e persino delle docce, possibilità di farti consegnare la pizza da mangiare in camper ed un bel panorama. Si direi che siamo stati bene li :)

Non particolarmente, tralasciando il fatto che non ho la minima idea del fatto che le acque solfuree possano essere dannose oppure no per i cani, non è una situazione di relax per i cani. Probabilmente se si è in più persone si può stare sdraiati su quel bel prato sopra al Mulino e poi dandosi il turno si va ad immergersi nelle vasche, certo, non dico assolutamente che non sia possibile, in ogni caso però tutti noi (4 camper, ognuno con cani) abbiamo reputato opportuno lasciare i cani tranquilli presso l’Area Sosta (erano i primi di Febbraio, pertanto dentro in camper si stava più che bene).

Decisamente adatto ai bambini, però accompagnati sempre da un minimo di buonsenso da parte dei genitori in quanto ci sono ovviamente delle zone scivolose ed il tutto è sempre e comunque scavato nella roccia, è un po’ come mandarli a giocare negli scogli da soli per intenderci. Pertanto, questo è un posto decisamente adatto ai bambini ma essendo una cosa della vita reale, e non un gommapiuma, bisogna prestare attenzione a non comportarsi come scimmie.

Sia che tu arrivi in auto o che tu arrivi in camper mi azzarderei a dire di si. Dunque, dall’Area Sosta l’autista del pulmino è molto gentile, quindi ti aiuterà a salire e scendere e penserà lui all’eventuale carrozzina, una volta arrivato non ci sono gradini o salti particolari, quindi potrai lasciare le tue cose nei pressi delle prime vasche e farti aiutare per entrare. Ti assicuro che le vasche in alto non hanno nulla in più rispetto a quelle basse, anzi, in alto le cascate sono parecchio veloci e voluminose pertanto per nulla rilassanti.

.

.

Terme Naturali

Informazioni dal Web

Le acque termali di Saturnia sono una tappa a cui non si può rinunciare quando si è in vacanza in Toscana e soprattutto in Maremma. Approfitta delle calde acque termali – di cui puoi usufruire gratuitamente – conosciute come “Cascate del Mulino”, ubicate a meno di 6 km dalla città di Saturnia e a 3 dal Resort Terme di Saturnia.

La Città:

Prima di visitare le cascate, ti consiglio di prenderti un pò di tempo per esplorare la piccola cittadina di Saturnia in Maremma, ubicata in cima ad una collina che domina le famose sorgenti termali. Questo caratteristico ed attivo borgo toscano sorge vicino ai resti di una necropoli etrusca, lungo la via romana Clodia, detta anche via delle Terme, tra la via Cassia e la via Aurelia.

Le sue origini risalgono a tempi antichissimi: uno storico greco del 60 AC ha lasciato testimonianze del fatto che quest’area fosse abitata da popolazioni greche dell’era pre-classica, a cui seguirono prima gli Etruschi e poi i Romani, che ci hanno lasciato resti del loro passaggio come la bellissima Porta Romana risalente al secondo secolo AC.

La città divenne un rifugio per i fuorilegge durante il XIV° secolo, motivo per cui fu bruciata, rasa al suolo e lasciata in balìa dell’oblìo fino a quando le acque termali non tornarono ad essere di moda, risollevandone le sorti. Fino al XVI° secolo, fu sotto il dominio di Siena, per poi divenire parte del Granducato di Toscana.

Testimonianza del suo glorioso passato è il Bagno Santo, un antico insediamento sacro a qualche chilometro dal centro, così come lo sono le mura medievali che circondano la città, costruite dalla famiglia Aldobrandeschi. Da vedere è anche la chiesa medievale di Santa Maria Maddalena, ristrutturata nei primi del XX° secolo e custode di splendide opere d’arte, il Museo Archeologico e la Fortezza degli Aldobrandeschi, che però non è aperta al pubblico.

Non dimenticare di fare un salto in Piazza Vittorio Veneto, dove troverai altri manufatti romani da ammirare!

Vicino alla fontana e davanti a Via Ciacci, un tempo si incrociavano le due principali vie romane, ‘Il Cardo’ e ‘Il decumanu massimi’. Davanti al ristorante “I due cippi”, si trovano le antiche terme romane, oggi non più in funzione. Il pavimento di questa struttura era un mosaico con tasselli in bianco e nero, dove si possono ancora distinguere le figure di un pesce ed di un cavalluccio marino.

Le Sorgenti Termali:

Le terme di Saturnia sono formate da numerose sorgenti che interessano un’ampia zona dal Monte Amiata alle colline dell’Albenga e del Fiora, per arrivare fino a Roselle e Talamone. Queste acque sono ricche di depositi minerali, soprattutto sulfurei, i principali responsabili di quell’odore talvolta un pò fastidioso “di uovo”

Da un punto di vista scientifico, i depositi presenti nelle acque di Saturnia le rendono “sulfureo-carboniche, solfate, bicarbonato-alcaline e terrose” ed includono, tra le loro caratteristiche peculiari, la presenza di due gas come l’idrogeno solforato e l’anidride carbonica. Le acque sgorgano ad una temperatura di 37.5 °C e sono famose, appunto, per le loro proprietà terapeutiche e rilassanti.

Le calde acque sulfuree di Saturnia erano già note agli Etruschi prima e ai Romani in seguito. Credevano, infatti, che le terme fossero un dono degli dei, motivo per cui pensarono sempre di farne buon uso e di sfruttarne le proprietà curative. Con il passare degli anni, però, le superstizioni locali cambiarono e, con esse, l’abitudine ad usare queste acque miracolose.

Secondo la leggenda, le sorgenti termali sorsero nel punto esatto in cui cadde il fulmine scagliato da Giove contro Saturno dopo un violento litigio, ed i segni lasciati dal fulmine rappresentavano le porte per l’inferno, da cui, appunto, sgorgava acqua vaporosa e maleodorante.
Ad ogni modo, le terme di Saturnia tornarono ben presto in voga, tanto che fu deciso di costruire in città un prestigioso ed esclusivo resort di lusso con centro benessere e spa (nella fotografia sottostante), oltre al quale oggi troverai ben due cascate all’aperto, completamente gratuite: quelle del Mulino e quelle del Gorello.

Le Cascate del Mulino (nella foto sottostante) sono forse le sorgenti termali naturali più famose della Toscana, composte da diverse piscinette – naturali – di calda acqua termale, e da rilassanti cascatelle. Sono aperte al pubblico e completamente gratuite durante tutto l’anno.

Saturnia e le sue terme sono senza dubbio un altro fiore all’occhiello della Maremma, un’area dove la natura allo stato incontaminato e l’antica storia di Toscana si fondono in un connubio affascinante, che rende questo angolo della regione una destinazione ancor più attraente.

Informazioni Utili:

Se pensi di fare un salto alle terme durante il tuo soggiorno in Toscana, ci sono un paio di cose che dovresti sapere in anticipo:

⇒ Non ci sono spogliatoi pubblici presso le terme all’aperto di Saturnia, per cui è bene arrivare con indosso già il costume da bagno; molte persone si portano degli asciugamani molto grandi in modo da potersi cambiare più facilmente dopo aver fatto il bagno.

⇒ Il parcheggio è gratuito ma i posti non sono molti. Ce ne è uno praticamente accanto alle cascate, comodo ma una sorta di bruttura paesaggistica che non si può nascondere alla vista mentre si gode dei benefici delle acque termali. Un secondo si trova in un ampio campo nelle vicinanze, raggiungibile con una breve passeggiata e ben indicato; è bene sapere che durante l’alta stagione, non è affatto facile trovare un posto libero, mentre lo è trovare una multa per divieto di sosta sul cruscotto della macchina, quindi…attenzione a dove si parcheggia!

⇒ Tutta la zona è praticamente incustodita, il che significa che non ci sono bagnini. Troverai, però, un bar, con panini e snack da bar, appunto, ed il bagno. Ognuno è tenuto ad aver rispetto per l’ambiente naturale in cui si trova ed a lasciar pulito una volta terminata la sosta.

⇒ La zona intorno alle cascate ed alla piscina è circondata da terreno ghiaioso e sabbioso, non facilmente percorribile a piedi nudi; il mio consiglio, per cui, è quello di arrivare indossando già scarpette da mare, infradito o, al limite, scarpe da ginnastica che puoi bagnare.

⇒ Ricorda di portare un asciugamano e crema solare: non pensare che l’acqua sulfurea ti possa proteggere da un’insolazione: non c’è tanta ombra e durante i mesi estivi è estremamente facile trovarsi belli arrossati a fine giornata!

⇒ Ricorda di portare anche da bere e da mangiare, il bar in loco ha qualche snack e patatine, ma non è sicuramente il miglior esempio della deliziosa cucina toscana.

⇒ Anche se le terme di Saturnia possono sembrare delle perle nascoste della Maremma, in realtà…così nascoste non lo sono! Molte sono le persone che le conoscono e le frequentano per farsi un bagno rilassante in mezzo alla natura, per cui le troverai spesso molto affollate! Trovare una piscina dove puoi immergerti godendo delle calde acque che sgorgano da sotto il terreno è molto piacevole, ma non è sinonimo di privacy: se cerchi un ambiente un pò più appartato, segui il corso del fiume che si allontana dalle piscine principali, troverai un pò più di quiete e silenzio.

Fonte: Visit Tuscany

.

.

Il video

Tutti i video li trovi sul canale

La cosa migliore è che tu ti iscriva al canale YouTube ove troverai tutti i video delle Puntine ed i “Dietro alle Quinte”. Iscriversi è molto semplice, basta cercare “le puntine del mondo” su YouTube oppure cliccare direttamente QUI, infine premere il pulsante “iscriviti”. In questo modo riceverai le notifiche dei nuovi video e potrai commentarli :)

.

.

.

.

.

ARRIVACI CON IL TUO NAVIGATORE!

E’ stato rifatto completamente tutto, ora ancora più semplice per tutti. Qui a destra vedi un pulsante nero “APRI IN GOOGLE MAPS“, bene, cliccalo e ti si aprirà il Google Maps. Ora all’interno della mappa troverai varie puntine (pins), cliccando sopra ad ognuna di esse leggerai una brevissima descrizione e l’indicazione del luogo, ora, se stai facendo tutto questo dal tuo smartphone puoi avviare la navigazione e raggiungere i punti precisi che ti ho segnato.

Come sempre ti ho messo la mappa con le posizioni GPS dei parcheggi gratuiti, in alcune puntine ci sono anche i rubinetti dell’acqua, le zone di scarico delle acque nere e grigie e le colonnine della corrente. La cosa più simpatica ed utile di questo sito credo siano i video, segui la serie su YouTube e non dimenticarti di iscriverti in modo da avere sott’occhio tutte le novità dei posti scoperti!